.

.

giovedì 21 aprile 2016

TIGELLE SICULO-ROMAGNOLE ...evviva le CONTAMINAZIONI !!


Amo il buon cibo e , le frontiere o i confini geografici, non limitano la mia curiosità gastronomica e il mio apprezzamento.

Amo le Tigelle , così versatili, gustose e belle da vedere.
In passato ho anche provato a farle...l'impasto è quello classico ma le ho dovuto cuocere in forno, perchè non avevo l'attrezzo giusto : la TIGELLIERA .
Quindi , mi sono accontentata di queste simil tigelle, deliziose e soffici ma, sicuramente, diverse dall'originale.
Adesso che, l'azienda DUE TORRI - ENRICO PRUNI- BOLOGNA , mi ha inviato una bellissima tigelliera e lo stampo per i waffel, mi posso sbizzarrire in mille preparazioni, gustose e colorate.
Si tratta di stampi in alluminio, massicci, che propagano il calore del fornello, in modo uniforme . 
Le tigelle risultano sofficissime dentro e friabili in superficie. Perfette per essere farcite di ogni ben di Dio che vi trovate a casa. Risolvono la cena o un aperitivo gustoso. Si cuociono in pochissimi minuti, sul gas, e se avanzano, potete anche surgelarle. 
Basterà tirarle fuori 10 minuti prima di consumarle, scaldandole, per un paio di minuti nel forno caldo.
Nel sito dell'azienda troverete anche delle ottime offerte, da cogliere al volo : Enrico Pruni- Articoli Casalinghi
Per realizzare la prima ricetta ho voluto celebrare un "matrimonio", una "contaminazione" tra la tradizione gastronomica romagnola e quella siciliana.
Quindi ho farcito queste delizie con delle foglioline di valeriana, concassè di pomodori e scaglie di RICOTTA INFORNATA, formaggio tipico dei Nebrodi che ho imparato a conoscere e amare grazie al mio DOPPIO, messinese DOC.
L'unione si è rivelata GUSTOSA e PROFUMATA. Gli ingredienti si sono fusi amabilmente, al morso, regalandoci un'esperienza sensoriale  , da ripetere, nel breve, piu' e piu' volte.
quindi ...passiamo alla ricetta !!



Ingredienti per 23 tigelle da 40 gr. ciascuna:
- 1\2 kg di farina 00
- 1 bustina lievito di birra disidratato oppure 15 gr. lievito di birra fresco
- 250 gr. latte intero  tiepido
- 50 gr. di strutto a temperatura ambiente
- 1 cucchiaino di zucchero
- 1 cucchiaino di sale

Ingredienti per la farcitura:
- insalatina di valeriana o altre erbette fresche
- ricotta infornata
- pomodori maturi
- olio extravergine d'oliva

Procedimento per le tigelle :
- impastare la farina con tutti gli ingredienti, tranne lo zucchero per 5 minuti (a mano o in planetaria o Bimby)
- a metà della lavorazione, aggiungere anche il sale
- quando l'impasto sarà liscio e omogeneo, metterlo in una ciotola capiente, coprire con un canovaccio e una copertina e lasciare lievitare, sino al raddoppio
- riprendere l'impasto, porzionarlo in palline da 40 gr. ciascuna
- ogni pallina deve essere, lievemente allungata e arrotolata su se stessa, girarla, allungarla nuovamente e arrotolarla, nell'altro verso (vedi foto), in questo modo faremo le pieghe
- pirlare le palline , schiacciarle lievemente metterle su un vassoio infarinato
- lasciare lievitare, nuovamente, per mezz'ora
- mettere la tigelliera sul fornello e lasciare arroventare, 3 minuti per lato
- inserire le palline in ogni incavo della tigelliera, chiudere e cuocere, a fuoco basso, 3 minuti per lato
- mettere da parte, coprire con un canovaccio e continuare la cottura , sino ad esaurimento delle palline
- farcire con valeriana, pezzetti di pomodoro e scaglie di ricotta infornata
- completare con qualche goccio di olio extravergine d'oliva e una macinata di pepe nero























con questa ricetta partecipo al programma di affiliazione







45 commenti:

  1. adoro le contaminazioni, specialmente se coinvolgono due regioni d'Italia in cui si mangia da Dio, come in questo caso! brava Mimma :)

    RispondiElimina
  2. Bellissimi gli stampi e adorabili le tue contaminazioni. Le tigelle mi piacciono tanto ed è parecchio che non le preparo. IO però non ho lo stampo :-(
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah!!!! e allora provvedi!!! andranno a ruba!!!

      Elimina
  3. Come sempre riesci a creare ottimi connubi

    RispondiElimina
  4. Ma non sai quando stavo a Bologna quante tigelle ho mangiato!! Ma "contaminate" mai! Bravissima! Un bascione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cara!!! e allora contamina anche tu con la magnifica tradizione della tua Terra!!!

      Elimina
  5. Buone le tigelle e le tue anche carine !

    RispondiElimina
  6. grazie Mimma per essere passata a trovarmi, ricambio volentieri! adoro tantissimo le tigelle, anche io a casa ho una teglia apposita, sono straordinarie! di solito mi piace mangiarle con un preparato di lardo, rosmarino e con del parmigiano reggiano sopra, ma anche la tua versione mi piace molto! sicuramente di questi tempi in cui essere attenti alla prova costume è anche più leggera come versione! ottime, ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciaooo!!! abitualmente le faccio con lardo e rosmarino. Questa è una versione piu' primaverile. un abbraccio!!

      Elimina
  7. Che buone.. e che belle!!!io non le ho mai fatte.. ma nemmeno mangiate.. un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero???? ti consiglio di provarle!!! sono divine!!!un abbraccio!!

      Elimina
  8. Bellissimi gli stampi e meravigliose le tue sfiziose contaminazioni!!!
    Baci

    RispondiElimina
  9. le tigelle sono buonissime,complimenti Mimmaaaa anche io voglio la tigelliera!!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Ciao Mimma, ottime queste tigelle, anche a me piacciono le contaminazioni soprattutto se riescono così bene ;) Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Ciao Mimma, ottime queste tigelle, anche a me piacciono le contaminazioni soprattutto se riescono così bene ;) Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Ma che meraviglia Mimma O_O tutto quello che esce dalla tua cucina è magico :-)

    RispondiElimina
  13. Cara Mimma ci regali sempre belle ricette,complimenti per gli stampi.

    RispondiElimina
  14. Ma sei bravissima! Ti sono venute perfette :)
    E le hai farcite in modo gustoso.
    Bravissima Mimma!!!! Un bacio

    RispondiElimina
  15. Ma che belle,la contaminazione in questo caso è arricchimento, sono davvero speciali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le contaminazioni, secondo me, sono cultura e valorizzazione del nostro Paese. Un abbraccio mia cara!!

      Elimina
  16. Mimma bravissima le hai fatte stupendamente bene!!!!!!!

    RispondiElimina
  17. Che buone le tigelle, ho anch'io la tigelliera e ogni tanto mi piace prepararle! Ottime le tue tigelle, sono perfette! Buon fine settimana, baci!

    RispondiElimina
  18. sono sicura che saprai proporre tante squisite e sfiziose ricette come questa! Buona settimana Mimma, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi diverto tantissimo a sperimentare!!! bacioni mia cara!!!

      Elimina
  19. Grazie per essere passata nel mio blog!!!
    Ottima questa ricetta!! non le ho mai assaggiate.
    Ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e allora provale!!! sono ottime!!! grazie e un abbraccio!!

      Elimina
  20. Fantastici gli stampi e veramente invitanti queste tue "contaminazioni" ;o)
    Buona serata,
    Lory
    Bazzicando in Cucina

    RispondiElimina
  21. Le ho ammirate l'altro giorno su fb mentre le facevi e me le gusto ancora meglio, da pc oggi. Bravissima la mia Mimma e complimenti anche allo sponsor per gli ottimi attrezzi. Un bacione e buon 25 aprile

    RispondiElimina
  22. Ti sono venute una meraviglia! Buona settimana Mimma, un abbraccio

    RispondiElimina

Grazie per essere passati di quì!!!
I vostri messaggi mi fanno molto piacere perchè mi aiutano a migliorare !!!