.

.

giovedì 10 maggio 2012

Rosticceria palermitana





La rosticceria siciliana, ed in particolare quella palermitana, è un pilastro della ricca e variegata tradizione gastronomica della nostra Terra.
Nei bar, sin dal mattino, fanno bella mostra i cosiddetti “pezzi di rosticceria”. 
Con questo termine si definiscono delle leccornie costituite da pasta brioche, farcita in vari modi e cotti al forno o fritti. 
I piu’ celebri sono: calzoni al forno o fritti, ripieni di prosciutto, mozzarella, pezzetti di pomodoro, acciughe, ecc. 
Le ravazzate: sempre lo stesso impasto di base ripieno di ragu’ ristretto e besciamella; le arancine di riso, ripiene di qualsiasi cosa; lo spiedino: cubetti di pan carrè farciti di ragu’, impanati e fritti, rollo’ con il wustel, e potrei proseguire ancora a lungo ma, per coloro che non sono palermitani, vi esorto a venire e gustare qui tutto questo Ben di Dio. 
Io amo preparare queste specialità con un impasto che definisco “aureo”, cioè perfetto. 
E’ una pasta brioche estremamente duttile e versatile, che si presta sia alla cottura in forno che alla frittura. 
Si possono anche preparare delle grandi brioches da farcire con maionese, pomodoro e quant’altro, per buffet.



Ingredienti:  
250 gr. Farina 00   
250 gr. Farina Manitoba     
240 gr. Acqua tiepida
1 cubetto lievito di birra fresco
50 gr. Di strutto
1 cucchiaio di zucchero
1 cucchiaino di sale
1 tuorlo+ 2 cucchiai di latte per spennellare

Procedimento:
-   Mettere sulla spianatoia o in una impastatrice le farine e lo zucchero
-   Sciogliere il lievito di birra in un po’ di acqua tiepida
-   Aggiungere l’acqua e il lievito e impastare
-   Aggiungere lo strutto morbido e il sale
-   Lavorare energicamente l’impasto sino ad ottenere una consistenza morbida ed elastica
-   Lasciare lievitare in un contenitore coperto, sino al raddoppio
-   Riprendere l’impasto e formare i “pezzi” e farcirli secondo il proprio gusto.
 Procedere con la cottura desiderata.
   

   

    






8 commenti:

  1. Secondo me non c'è cosa più buona della rosticceria palermitana.....bravissima!!!

    RispondiElimina
  2. condividoooooo!!!! grazie !!!

    RispondiElimina
  3. Intanto grazie per il commento che hai lasciato nel mio blog.. mi aggiungo volentieri al tuo!!!!!! Ma quante cosette sfiziose in questo post.. Ho un'amica siciliana.. e che non lo so quanto cucinate bene????? io poi che amo tantissimo il salato di questi sfizi ne mangerei a scoppiare!!! Interessante questa tua pasta brioche! Torna a trovarmi.. mi farebbe piacere!!! :-)

    RispondiElimina
  4. grazie, dono felice che tu sia passata a trovarmi. Spero di dare sempre tanti spunti interessanti da copiare ed elaborare. Si , è vero, noi siciliani abbiamo la buona cucina nel dna!
    tornerò a trovarti prestissimo!!

    RispondiElimina
  5. oh si che buona! ricordo di averne fatta una scorpacciata mentre aspettavo di imbarcarmi a Palermo. grazie di questa goduriosa ricetta, in bocca al lupo. Mi aggiungo volentieri ai tuoi follower!

    RispondiElimina
  6. grazie e.... alla prossima!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao Mimma!!!! grazie mille!!!!! Puoi partecipare con 3 ricette massimo. Preferisci partecipare con questa ricetta o quella del panbrioche?

    RispondiElimina
  8. OK......... Mi piace la faccio e ti copio ...... Bacetti

    RispondiElimina

Grazie per essere passati di quì!!!
I vostri messaggi mi fanno molto piacere perchè mi aiutano a migliorare !!!