.

.

lunedì 6 luglio 2015

"Testa di turco" ovvero, il dolce tipico di Castelbuono (PA)


Si tratta del dolce tipico di Castelbuono, un piccolo comune medievale sulle Madonie, in provincia di Palermo. 
Di solito veniva preparato durante le feste natalizie sino a carnevale, ma data la bontà, viene gustato tutto l'anno.

Questo dolce, come tantissimi piatti della gastronomia siciliana,  ha origini arabe, infatti è una sinfonia di profumi e gusto, mantenendo un’indiscutibile leggerezza.
Adatto anche per la stagione estiva in quanto la crema è "bianca", cioè senza uova, profumata di limone e cannella e la "scorcia fritta" è leggerissima e non assorbe olio durante la rapida frittura.
Vi consiglio di prepararla , anche raddoppiando la dose, perchè la scorcia che vi avanzerà, si mantiene a lungo, perfettamente, dentro sacchetti da frigo, chiusi bene e basterà fare un altro pò di crema per avere un magnifico dolce al cucchiaio, gradito a grandi e piccini, con poca fatica e in pochissimo tempo.


La leggenda popolare narra che la “Testa di Turco” venne elaborata in occasione della sconfitta degli Arabi da parte dei Normanni e che i castelbonesi festeggiarono la liberazione con la preparazione di questo dolce tipico.

Questo dolce viene servito nello "spillungo" cioè in un piatto, da portata, ovale .


Piatto ovale in ceramica decorata "La Fabbrica della Ceramica Susanna De Simone"

Ingredienti per la “scorcia”  (per gli stranieri : “scorza fritta”):

-2 uova intere.
-2 cucchiai acqua frizzante.
-Un pizzico di sale.

Procedimento manuale:

- Sbattere le uova e aggiungere la farina. Impastare sino ad ottenere una pasta liscia e omogenea. 
- Coprire e lasciare riposare 1\2 ora.
- Prelevare piccoli pezzi di impasto e stendere con il mattarello delle sfoglie molto sottili, tagliarle a lasagnette
- friggere in una padella larga e profonda con abbondante olio di semi caldo velocemente, giusto il tempo che si formino le bolle e toglierle dal fuoco.
 Mettere da parte.

Procedimento Bimby:
- nel boccale inserire le uova , l'acqua e la farina
- impastare 30 sec. vel 7
- toglieere dal boccale l'impasto e lasciare riposare per 30  minuti
- Prelevare piccoli pezzi di impasto e stendere con il mattarello delle sfoglie molto sottili, tagliarle a lasagnette
- friggere in una padella larga e profonda con abbondante olio di semi caldo velocemente, giusto il tempo che si formino le bolle e toglierle dal fuoco.

 Mettere da parte.



Ingredienti per la crema di latte bianca:

- 1 l. latte intero
- 300 gr. Zucchero
- 100 gr. Amido  di mais per dolci   
- Scorza grattugiata di due limoni   
- 4 cucchiai di cannella macinata   F.lli Nuccio-Palermo
- 150 gr. Cioccolata fondente a goccine o tritata F.lli Nuccio-Palermo
- Codette colorate (facoltative)
- 1 bacca di vaniglia F.lli Nuccio - Palermo

Procedimento manuale :

- - sciogliere in una ciotola l’amido con un po’ di latte sino a formare una pastella senza grumi
- - mescolare il latte alla pastella, aggiungere lo zucchero e la scorza di limone grattugiata
- - cuocere a fuoco basso sino a che si addensa
- - aggiungere i semi della bacca di vaniglia
- - nel frattempo mettere “la scorcia fritta” in un piatto da portata  a strati e annegarla con la crema calda
- - spolverare abbondantemente con la cannella macinata, le scaglie di cioccolato
- - lasciare raffreddare e mettere in frigo.

Procedimento Bimby:
- inserire nel boccale lo zucchero e la scorza del limone 15 sec. vel. turbo
- aggiungere il latte e l'amido e mescolare 5 sec. vel 7
- cuocere per 12 min. 90° vel 4
- nel frattempo mettere “la scorcia fritta” in un piatto da portata  a strati e annegarla con la crema calda
- - spolverare abbondantemente con la cannella macinata, le scaglie di cioccolato

- - lasciare raffreddare e mettere in frigo.


























25 commenti:

  1. Le Madonie sono bellissime ! Non conoscevo questo dolce ma ora.. Grazie a te, si. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le madonie sono davvero bellissime. Ti auguro dipoterle visitare presto....sono ricchissime di arte, culture, bellezze naturali e buon cibo!!!

      Elimina
  2. Ciao Mimma, passavo per caso e sono stata attratta da questo dolce, sono palermitana ma non l'ho mai assaggiato, grazie alle tue dettagliate spiegazioni lo proverò a fare presto; ti voglio seguire in attesa di altre piacevoli e goduriose novità. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, benvenuta!!!!sono felice che tu sia passata di quì! Ho fatto una visitina al tuo blog....giovane come il mio!!! allora al lavoro!!ti seguo e spero farai anche tu lo stesso con me. Teniamoci in contatto!!!

      Elimina
  3. Mimma, sono passata a trovarti ed ho scoperto tanti piatti della terra di mia madre che era nata a Palermo. Ti seguirò anch'io con piacere!! ciao
    Resy

    RispondiElimina
  4. Mimma torna sul mio contest e vieni a leggere le piccole modifiche da apportare alla tua ricetta, ti aspetto!Grazie,
    Vale

    RispondiElimina
  5. perfetta la inserisco subito nelle ricette del contest

    RispondiElimina
    Risposte
    1. benissimo!!!!! alla prossima!!!!

      Elimina
  6. Ma che spettacolo! Deve essere di un goloso questo dolcetto!!! Slurp....
    Bravissima Mimma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ottimo davvero!!! un abbraccio!!!

      Elimina
  7. non conoscevo questo dolce malgrado sia in parte siciliana, c'è sempre da imparare! grazie per questa ricetta!

    RispondiElimina
  8. ottimo non lo conoscevo! Grazie Mimma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono felice di esserti stata utile!!! un bacione!!!

      Elimina
  9. L' abbiamo mangiato proprio a Castelbuono (località che adoriamo) alcuni anni fa. Buonissimo e brava come sempre. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciaoooo!!! grazie , un bacione!!!!!

      Elimina
  10. ciao Mimma, grazie per questo dolce che non conoscevo, che bello imparare le tipicità! Quindi in frigo la crema rassoda come se fosse una pasticcera? brava bravissima! buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciaooo!!! si, la crema rassoda come una comune crema pasticcera. grazie della visita e un abbraccio!!!

      Elimina
  11. Ma che nome curioso ha questo dolce... :-)
    Ommamma, mi vuoi proprio fare del male: fritto, crema e tanto cioccolato. Da dove devo passare per arrivare a casa tua?
    un bacio.

    RispondiElimina
  12. Ciaooo!! dipende da dove vieni....!!!! cmq diceva Oscar Wild che le cose che piacciono , o fanno male o sono immorali.....

    RispondiElimina
  13. grazie per aver partecipato.. inserisco subito la ricetta!

    RispondiElimina
  14. inserito anche questo, buonissimo!!
    Paola

    RispondiElimina
  15. Ho stampatooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo.............. mio marit ti ringrazerà !!!! Baci Mimmuzza

    RispondiElimina
  16. grazie infinite cara Mimma,mi hai fatto conoscere una ricetta della bella Sicilia! un abbraccio

    RispondiElimina
  17. bella ricetta, conosco questo dolce buonissimo di castelbuono .. ma la crema non deve addensarsi, anzi, deve essere abbastanza liquida per permettere alle sfoglie di ammorbidirsi.

    RispondiElimina

Grazie per essere passati di quì!!!
I vostri messaggi mi fanno molto piacere perchè mi aiutano a migliorare !!!