.

.

mercoledì 23 marzo 2016

LA CASSATA DI COSTANZA D'ARAGONA


La Cassata siciliana è nota in tutto il mondo.

Icona della “sicilianità” , frutto della contaminazione dovuta alle eterogenee dominazioni che l’Isola ha subito.
E’ l’apoteosi del gusto, dei colori e dei profumi.
Araba, indiscutibilmente, anche per il nome ma anche Barocca e Spagnoleggiante , ci rappresenta completamente.
Ma esiste una variante a tale meraviglia, diversa nella forma ma uguale nei sapori che raffigura , alla perfezione, la storia della Sicilia attraversata da grandi personalità che tanto hanno preso ma, spesso, tanto hanno donato.
Si tratta della “Cassata di Costanza d’Aragona” che viene preparata artigianalmente ,secondo un’antica ricetta che vede protagonisti ingredienti diversi e consistenze diverse, mirabilmente associati : un profumato pan di spagna ed una friabile pasta frolla custodiscono, in uno scrigno, la preziosa crema di ricotta di pecora arricchita con gocce di cioccolato, zuccata , scorze d’arancia candita.
Tutto ciò dà vita ad un dolce “regale” e magnifico le cui origini affondano all’epoca della dominazione araba con la diffusione dell’uso dello zucchero di canna e quindi antecedente alla cassata piu’ nota .

Narra lo storico Francesco Daniele che:

 “Fu trovato “Un…corpu mortu…in testa di lo quali corpu fu trovata una coppula tutta guarnuta di petri priciusi, perni grossi et minuti, et piagi di oru massizzu…” (cfr. F. Daniele, I Regali Sepolcri…)"

La “cuppula” di cui narra lo storico  è la preziosissima corona di Costanza d’Aragona , il Camaleuco che Federico II fece deporre, nella tomba, insieme alla moglie.
Questa corona è un capolavoro dell’oreficeria dell’epoca normanna.
Su una calotta emisferica, si incrociano due galloni che creano 4 spicchi. E’ completamente ricoperta di perle e pietre preziose.
E a tale bellezza, ricchezza  si ispira questa cassata che con la forma e le decorazioni originali ,realizza l’idea di un dolce “regale”.

“Costanza d’Aragona fu regina d’Ungheria e poi regina e consorte di Sicilia perché data in sposa, in seconde nozze all’età di 25 anni al giovanissimo re Federico II allora quindicenne.
Costanza morì a Catania ma le sue spoglie furono sepolte nel duomo di Palermo, in un sarcofago di marmo antico, posto accanto ai sarcofaghi di porfido in cui riposavano le spoglie di Ruggero II, di Enrico VI e di sua moglie.”

Il dolce è composto da un piccolo Pan di Spagna, pasta frolla e crema di ricotta condita.


                                    Costanza d'Altavilla



                              La Cattedrale di Palermo



Il Catafalco di Costanza d'Altavilla all'interno della Cattedrale di Palermo


                   Il Camaleuco di Costanza d'Aragona


Ingredienti per uno stampo a cerniera da 24 cm.
- 1 Pan di Spagna e la ricetta la trovate quì
- 1\2 kg di pasta frolla e la ricetta la trovate quì  (raddoppiate la dose della ricetta)
- 100 gr. di marmellata di arance o altra, a piacere

Per la crema di ricotta:
- 1\2 kg di ricotta di pecora
- 150 gr. di zucchero
- 2 cucchiai di cannella macinata
- 100 gr. di scorza d'arancia candita a pezzetti
- 100 gr. di zuccata a pezzetti
- 50 gr. di gocce di cioccolata fondente

Per la decorazione :
- ciliege candite rosse e verdi
- scorze d'arancia candita
- 1 tuorlo d'uovo diluito con 1 cucchiaio di latte

Procedimento:
- foderare la base di uno stampo a cerniera con della carta forno
- stendere metà della frolla in un disco e adagiarlo nella tortiera in modo che , anche i bordi, ne siano rivestiti
- affettare, sottilmente, il Pan di Spagna
- sulla base di frolla stendere un velo di marmellata di arance, o altra confettura
- adagiare sulla marmellata uno strato di fettine di Pan di Spagna
- stendere la crema di ricotta 
- ricoprire la crema di ricotta con un altro strato di fettine di Pan di Spagna
- stendere un altro disco di frolla e ricoprire tutto sigillando bene i bordi alla base del dolce
- spennellare con un tuorlo diluito con un pò di latte
- con gli avanzi della frolla decorare il dolce , come da foto e applicare le ciliege candite e le scorzette d'arancia
- infornare a 180° per 30 minuti e , comunque, sino a che la superficie sarà dorata
- servire fredda



















          "Con questa ricetta o pensiero partecipo al 3° #HappyBirthdayAjoaPappai" - See more at: http://ajoapappai.blogspot.it/2016/03/terzo-contest-happy-birthday-ajo-pappai.html#sthash.5VfbxPEw.dpuf
 http://ajoapappai.blogspot.it/2016/03/terzo-contest-happy-birthday-ajo-pappai.html





con questa ricetta partecipo FUORI CONCORSO  al contest 












46 commenti:

  1. Mamma mia che tribudio di divina bontà e bellezza!!!! Sai che non l'ho mai vista? (beh i miei parenti sono in prov di TP magari li non si usa) ma ti assicuro che la prossima volta che capito a Palermo la cerco nelle pasticcerie (o me la faccio seguendo la tua ricetta.. mi sa che faccio prima), bellissima anche la spiegazione! la zuccata qui non si trova assolutamente, l'ho cercata varie volte, fatico anche a trovare canditi a pezzettoni interi e non già tagliati nelle confezioni al supermercato (ho appena fatto la colomba e per trovare arancia e cedro non ti dico la fatica..) complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CIAO CARISSIMA!!! puoi prepararla tu omettendo la zuccata.
      Un bacione e Buona Pasqua!!

      Elimina
  2. grazie della ricetta e complimenti per la realizzazione, come sempre dettagliatissima, ma l'aspetto che colpisce è la ricerca storica effettuata, complimenti!!!!

    RispondiElimina
  3. ma hai creato una delizia unica, non la conoscevo e ti ringrazio per avercela fatta conoscere!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  4. Veramente bellissima e she delizia, il racconto! Prima o poi mi sa che te la copierò! Felice Pasqua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e fai bene a copiarla!!! stupirai i tuoi ospiti!!!un abbraccio!!

      Elimina
  5. Grazie x queste nozioni di storia culinaria, è sempre un vero piacere conoscere le origini di una ricetta _) L'aspetto è davvero molto goloso, come tutto quello che esce dalla tua cucina ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mia cara!!! adoro cercare e ritrovare le radici della mia Terra nei cibi. Un bacioni e auguri di Buona Pasqua!!

      Elimina
  6. Un capolavoro!!!! E quante interessanti notizie storiche!
    Complimenti. Un bacio e Buona Pasqua :)

    RispondiElimina
  7. una cassata veramente regale, uno spettacolo per gli occhi e per il palato ! Buona Pasqua, un abbraccio !

    RispondiElimina
  8. Regale! Non c'è che dire! Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  9. cara Mimma io Palermitana non l avevo mai vista né assaggiata :-/.
    Sei un mito, grazie mille perché riesci ad arricchire con il tuo blog le mie lacune sicule.
    Un bacione :-)

    RispondiElimina
  10. Mimma che spettacolo!!! ma sei una fucina di sicilianità! questa cassata non la conoscevo proprio! e che dire della cuppula... stupenda come l'hai realizzata!!! bella bella bella Mimma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e giàààààà!!!!! grazie un bacione!!!

      Elimina
  11. Che capolavoro!!!! io non l'ho mai assaggiata... chissà quanto è buona! un bacione e se non ci sentiamo buona Pasqua!!!! :-*

    RispondiElimina
  12. Ciao! Buonissima la cassata, molto interessante questa variante :) Interessante anche la storia sulle origini di questo dolce. A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie della visita e Buona Pasqua!!!

      Elimina
  13. Complimenti Mimma, una piccola opera d'arte.... Originale e golosissima, complimenti cara e tanti auguri per una serena Pasqua!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mia cara e auguri anche a te!!!

      Elimina
  14. Ciao Mimma,non conoscevo le origini di questa delizia,credo che la faro',almeno ci provo,grazie sia della ricetta e per la bellissima storia.

    RispondiElimina
  15. Non ho mai assaggiato la cassata siciliana, quindi te ne rubo una gran bella fetta.
    Ti faccio tantissimi Auguri di Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  16. Praticamente hai realizzato un capolavoro, complimentiiiiiiiiiii
    Ti auguro una serena Pasqua a te e alla tua famiglia baci<3<3<3

    RispondiElimina
  17. Complimenti per la magnificenza di questo dolce che ,pur essendo siciliana, non conoscevo. Grazie sempre per l'abbinamento cultura e cibo... buona Pasqua!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Daniela!!! devo ammettere che, anch'io, l'ho scoperto per caso. Un abbraccio e Buona Pasqua anche a te !

      Elimina
  18. Mamma mia Mimma una cosa stupenda questa cassata, meravigliosa nella sua composizione. Grazie delle notizie puntuali e precise, come sempre. Buona Pasqua amica mia, con il cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trryyyyyyyyyyy!!! grazie tesora e mille auguri per te e la tua bellissima famiglia!! un bacione!!!

      Elimina
  19. Tanti cari auguri di una serena Pasqua a te e famiglia!
    Alice

    RispondiElimina
  20. Pensavo di aver commentato questo splendore,mi sbagliavo.
    Un abbraccio e tanti auguri di buona Pasqua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria!!!! un bacione e mille auguri per te e la tua famiglia!!!

      Elimina
  21. Carissima Mimma, ma quanto brava sei???!!! E' una meraviglia!!! E la ricca documentazione relativa a questo dolce lo rende ancor più "importante"!!!
    Tantissimi auguri di buona Pasqua!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura!!! nel mio blog il cibo, quasi sempre, viene legato e narrato dalla storia che lo ha generato.Cerco di recuperare e divulgare la Tradizione, per no dimenticare. Un bacione e auguri di buona pasqua!!!

      Elimina
  22. Stupenda! Complimenti Mimma sei bravissima, una ricetta originale e molto interessante.
    Ti auguro una serena e felice Pasqua

    RispondiElimina
  23. Ciao Mimma! Congratulazioni :) ! Hai vinto il contest "Torte di Pasqua" http://fratelliaifornelli.it/contest-torte-pasqua-vincitore/. Ricordati di scriverci e mandarci l'indirizzo dove mandarti il premio. A presto Joël e Charles

    RispondiElimina
  24. Questa cassata merita senz'altro, complimenti per la vittoria del contest! Un abbraccio

    RispondiElimina
  25. complimenti una torta regale come la tua merita un premio,brava

    RispondiElimina

Grazie per essere passati di quì!!!
I vostri messaggi mi fanno molto piacere perchè mi aiutano a migliorare !!!