.

.

lunedì 25 gennaio 2016

CANNOLI SICILIANI CON LA CREMA DI RICOTTA


Non potevo esimermi dal pubblicare, anch'io, la ricetta dei cannoli siciliani con la ricotta.

Il CANNOLO Fu inventato per festeggiare il Carnevale.

 Il nome deriva da "cannula", ovvero "rubinetto" dal quale sgorga l'acqua. 
Da questa similitudine, lo scherzo...invece dell'acqua , dal cannolo sgorga una goduriosa crema di ricotta.
Le origini di questo dolce sono antichissime e , come tutto ciò che è siciliano, si fondono tra epoca romana e araba, producendo , quasi sempre, una contaminazione tra sacro e profano.
L'ipotesi piu' accreditata, per l'origine di questo dolce,  è quella che indica la città di "KALT EL NISSA" , Il Castello delle Donne,  l'odierna Caltanissetta, che durante la lunga dominazione araba fu sede di molti harem.
Si narra che, le concubine dell'Emiro, trascorressero le loro giornate, preparando cibi succulenti per il loro signore, e anche dolci.  
Probabilmente, nell'elaborazione del cannolo, si ispirarono ad un dolce arabo simile, per forma, ad una banana, ripieno di ricotta, mandorle e miele.
Un'altra ipotesi è quella che , i cannoli, siano stati prodotti in un convento, sempre a Caltanissetta.
Da queste due fonti , è plausibile che scaturisca la teoria , in base alla quale, terminata la dominazione araba, e chiusi gli harem, le donne, in parte si convertirono al cristianesimo e furono accolte nei monasteri dove portarono i loro "saperi" gastronomici. 

Quindi, come sempre in Sicilia, le dominazioni, le Culture, le religioni e le tradizioni , così diverse tra loro, si fondono, dando vita a prodotti unici, irripetibili e universalmente conosciuti.


I cannoli subiscono piccole varianti, secondo le zone dell'Isola, dove vengono prodotti.
A Palermo, tradizionalmente, le estremità vengono guarnite con ciliege candite e una fettina di arancia, sempre candita, sul dorso, mentre, nella parte Orientale, vengono guarniti con granella di pistacchio.
E' doveroso citare Piana Degli Albanesi, in provincia di Palermo,  un insediamento antichissimo di Albanesi nel nostro Paese, che hanno conservato anche la loro lingua , oltre la loro Religione e costumi tradizionali, dove, per Carnevale, viene organizzata la "SAGRA DEL CANNOLO" e, oltre alla sfilata dei carri carnevaleschi (dal 13 gennaio al 10 febbraio) si possono gustare  cannoli di tutte le dimensioni, anche molto grossi.



Ingredienti per 30 cannoli:

- 400 grammi di farina
- 75 grammi di strutto
- 30 grammi di zucchero semolato
- 2 uova
- 1 albume
- un pizzico di sale
- 15 grammi di cacao amaro
- 60 grammi di Marsala secco
- 60 grammi di aceto bianco


- Cannelle di latta (non saldata) per confezionare i cannoli
- Olio di semi di girasole per friggere

Ingredienti per la crema di ricotta:
- 600 gr. di ricotta fresca, ben sgocciolata Azienda Agricola Fioriglio
- 150 di zucchero a velo
- 1 bustina di vanillina
- ciliege candite
- scorzette d'arancia candite
- facoltativi : cioccolata fondente tritata e zuccata a pezzettini

Procedimento:
- impastare gli ingredienti sino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo
- fare riposare l'impasto per 30 minuti, avvolto nella pellicola
- staccare piccole porzioni di impasto e stenderli, con il matterello, molto sottile
- ritagliare dei dischi e avvolgerli sulle "cannelle" di latta, chiudere le estremità con un goccio di acqua
- friggere in abbondante olio di semi
- sgocciolare su carta assorbente e togliere le cannelle con delicatezza

Nel frattempo preparare la crema di ricotta:
- setacciare la ricotta con lo zucchero in un passapomodoro
- aggiustare di zucchero, secondo il proprio gusto
- aggiungere (facoltativo) pezzetti di cioccolata e zuccata a cubettini
- farcire i cannoli al momento di servirli , decorare le estremità con mezza ciliegia candita e sul dorso, una fettina di scorza d'arancia candita















con questa ricetta partecipo al programma di affiliazione:

21 commenti:

  1. Ci si bea leggendo questi post e non solo per il dolce in se che è tutto dire....ma perchè ancora una volta si evince quanto è antica,intrecciata nonchè ricca la cultura Siciliana e non solo gastronomicamente parlando.Complimenti a te e alla nostra Isola :)

    RispondiElimina
  2. Grande tradizione e soprattutto drande esecuzione, bravissima Mimma, come sempre le tue realizzazioni sono ben dettagliate, conoscevo la stroria ad essi legata perché come tu sai pure io amo documentare le ricette con la loro origine 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Pietro!!! certamente!!! le nostre ricette danno spazio a grandi narrazioni e noi ne approfittiamo!!! un abbraccio!!!

      Elimina
  3. nno sai quanto tempo e' che voglio farli ma per un motivo o l'altro nno sono mai riuscita, mi hai fatto venire una voglia pazzesca,bravissima!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e allora è arrivato il momento di cimentarti!!! come vedi sono facilissimi!! un bacione!!

      Elimina
  4. I vostri dolci sono libidinosi e tu sai sempre rendergli giustizia :-) Complimenti!

    RispondiElimina
  5. Complimenti, immagino che sono molto deliziosi. Io non li ho mai preparati in casa ma chi sa se un domani non mi cimenterò a farli, troppo buoni !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah!!! come vedi sono semplicissimi!!!! fammi sapere!!! baci!!

      Elimina
  6. sai che i cannoli siciliani sono stati uno dei miei primi post? :-) per amore della Sicilia naturalmente..
    comunque venire sul tuo blog è farsi del male ogni volta.. vedere certe magnificenze e poterle solo guardare..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah!!! mia cara!!! quando verrai in Sicilia te li preparerò!!! bacioni!!!

      Elimina
    2. guarda mi metterei su un aereo anche solo per venire da te :-)

      Elimina
  7. Mamma mia, che visione questi cannoli....li adoro!!!!
    Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  8. lo scrivevo prima a Ketty e adesso a te, la pasticceria siciliana è impareggiabile, passami un cannolo che voglio rinnovare i miei ricordi nelle tua splendida terra ! Un bacione....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah!!!! te ne passo quanti ne vuoi!!! un bacione!!!

      Elimina
  9. Potrei morire, qui davanti allo schermo, e morirei felice, a questa vista meravigliosa dei tuoi cannoli!!! E non DOVEVI esimerti dal pubblicarla. notizie molto interessanti. Sei unica amica mia ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Terry!!! bacioni mia cara!!!

      Elimina
  10. Mi piacerebbe tanto un giorno provare a farmeli a casa, mamma mia sto sbavando!!!!

    RispondiElimina
  11. Ciao Mimma! Belli e buonissimi i tuoi cannoli! Posso permettermi di darti un consiglio? Mio padre ha fatto il pasticciere per tutta la vita e ancora oggi, a 82 anni, prepara cannoli e altri dolci da urlo. Lui mi ha insegnato a passare la crema di ricotta, impastata con zucchero semolato e non a velo, nel cosiddetto "crivu", cioè il setaccio, più fine è meglio è. Io uso quelli tradizionali con l'anello di legno. La crema viene finissima, senza ombra di grumi. Prova e poi mi fai sapere.
    Buon carnevale cara!
    Un abbraccio,
    Rosa

    RispondiElimina

Grazie per essere passati di quì!!!
I vostri messaggi mi fanno molto piacere perchè mi aiutano a migliorare !!!