.

.

domenica 2 ottobre 2016

FAVE SECCHE A "CUNIGGHIU"


Le Fave a "cunigghiu"  , a "coniglio", per intenderci , non contengono polpa di coniglio ma sono un gustoso piatto , rigorosamente, vegetale,
a base di fave secche o fave fresche ma, dell'ultimo raccolto, quando sono piuttosto durette.
E' una pietanza contadina, povera e di tradizione che vi consiglio caldamente . 
Lo potrei definire un vero "comfort food" per le sere invernali, da poter preparare in anticipo e trovare pronto quando si ritorna , troppo stanchi e troppo tardi, per poter mettere a tavola qualcosa di decente.
Le fave, ricchissime di sali minerali, costituivano per le popolazioni contadine , la sopravvivenza, il serbatoio di energie per poter affrontare il duro lavoro dei campi...spesso l'unica risorsa in tempo di guerre o carestie.
Al giorno d'oggi è, senz'altro, un pasto salutare, corroborante e gratificante.
La denominazione deriva dal fatto che, anticamente, venivano servite in un piatto, unico per tutti i commensali,  dal quale si prelevavano, rigorosamente con pollice, indice e medio e, con gli incisivi, si toglieva la capoccetta della fava e , con la pressione della punta delle tre dita, si facevano uscire i "cotiledoni" del seme della fava dalla buccia e, quasi automaticamente veniva mangiata . 
Quell’azione e la velocità di esecuzione faceva pensare al coniglio. 
In genere le fave secche vengono lessate, previo ammollo, come un comune legume e poi condite con olio extravergine, aglio e origano. Io le ho preparate attingendo ad una "variazione sul tema" castelbuonese ed è risultata una pietanza gustosissima , colorata e salutare.



Ingredienti per 4 persone:
- 400 gr. di fave secche non decorticate  Belisario 
- 2 carote
- 2 coste di sedano
- 2 cipolle rosse
- 4 pomodori maturi
- 1 foglia d'alloro
- 1 peperoncino
- 30 gr. olio extravergine d'oliva

Procedimento:
- mettere in ammollo le fave per una notte
- sciacquarle bene e lessarle in acqua con una foglia d'alloro
- a meta' cottura aggiungere il sale q.b.
- quando saranno tenere, toglierle dal fuoco
- nel frattempo, preparare un battuto , tagliato a pezzetti, con le carote, il sedano, le cipolle e i pomodori
- in una casseruola larga, possibilmente di coccio, versare l'olio extravergine d'oliva, il peperoncino  e il battuto di verdure
- soffriggere, a fuoco bassissimo  per 3 minuti, mescolando 
- continuare la cottura , con coperchio, a fuoco bassissimo, per 10 minuti
- aggiungere le fave lessate e qualche cucchiaio di acqua calda o brodo vegetale
- aggiustare di sale e cuocere, a fuoco bassissimo, per 10 minuti, mescolando delicatamente
- servire calde o tiepide



















con questa ricetta partecipo al programma di affiliazione



31 commenti:

  1. grazie Mimma per le notizie interessanti che sempre aggiungi alle tue splendide ricette !Buona domenica, un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te , mia cara, che trovi il tempo di leggermi . un bacione!!!

      Elimina
  2. Non conoscevo questo tipo di fava.
    Grazie per averlo condiviso.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Carissima Mimma io non conosco per niente questo legume, in Piemonte praticamente non si mangia o quasi, non fa parte della cultura alimentare e quindi sarei curiosissima di assaggiarle già cucinate (possibilmente da te :-)) bacioni buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah!!!! possibile??? credevo che fosse un legume universalmente conosciuto...cmq è in vendita nei supermercati e si può acquistare on line. Io te lo consiglio perchè è molto salutare e gustoso!! baci!!

      Elimina
  4. Cara Mimma, una ricetta veramente speciale!!! buonissima.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Da noi si mangiano i lupini in quel modo. Le fave invece le mangiamo prevalentemente crude in pinzimonio. Io le adoro. Ma mi ispira moltissimo anche questa ricetta, amo le insalate di verdure e legumi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero???? i lupini??? da provare, assolutamente. Un abbraccio!!

      Elimina
  6. Quanto a ricette siciliane nessuno ti supera.
    Brava Mimma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah!!! grazie mia cara amica!!! un bacione!!

      Elimina
  7. Le pietanze povere sono spesso le più buone: non avendo ingredienti pregiati bisognava ingegnarsi davvero bene, ed è lì che la mano della cuoca si fa sentire! Della tua, non dubito... buona serata cara Mimma!

    L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è proprio vero!! un bacione mia cara!!

      Elimina
  8. Uno fantastico piatto della tradizione.... e queste fave sono una vera bontà!!!
    Flora

    RispondiElimina
  9. ma che buone, non conoscevo questo modo di cucinare le fave, grazieeeee :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Donatella!! ti consiglio di provarle!! baciii!!

      Elimina
  10. Ciao Mimma, pensa che prima non ero un amante delle fave secche ma ora sto iniziando ad apprezzarle, la tua ricetta è davvero invitante!
    Buona settimana

    RispondiElimina
  11. vedi, da te scopro sempre nuove cose...nuove ricette e tante info interessanti cara Mimma! Ti mando un grande abbraccio e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  12. Ihihihhi mi ha fatto sorridere il titolo! Io comunque adoro le fave.. e questa ricetta "sa da fa"!!!!! baci e buona settimana :-D

    RispondiElimina
  13. Una bellissima ricetta che fa subito casa e focolare domestico, ideale da gustare nelle serati invernali, complimenti

    RispondiElimina
  14. Le tue ricette sono sempre molto gustose... e questa la annoto subito, grazie Mimma!!!

    RispondiElimina
  15. Ma che ricetta particolare! proprio non la conoscevo! Buona serata :)

    RispondiElimina
  16. Che piatto gustoso.
    Bravissima, hai sempre ricette interessanti :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  17. Grazie x essere passata a salutarmi e rivivere con me la mia vacanza Siciliana :-)
    Buona giornata e golosa ricetta ho giusto delle fave secche che aspettano la loro degna fine!

    RispondiElimina
  18. Una saporitissima ricetta, grazie Mimma,a presto!

    RispondiElimina
  19. non mi ispira come piatto, ma la tua presentazione è eccellente!
    Luisa

    RispondiElimina
  20. Da te davvero ci sono un sacco di cose da imparare, sempre, a ogni tuo articolo! Bravissima tesoro. Sai che io le mangio poco le fave? Perchè a mio marito non piacciono, mannaggia a lui! Bellissimo piatto. Un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Un piatto semplice, ma buono lo stesso. Grazie per la ricetta, non vedo l´ora di preprarlo:-)
    Saluti dall´hotel Moena. Aurora

    RispondiElimina
  22. In Puglia per i Morti, le bolliamo semplicemente e le mangiamo alla stessa maniera, condendole con Olio, Aglio e Origano

    RispondiElimina

Grazie per essere passati di quì!!!
I vostri messaggi mi fanno molto piacere perchè mi aiutano a migliorare !!!