.

.

lunedì 15 dicembre 2014

CORI "CHINI" ... ripieni d'amore, cultura e tradizioni!!!!


Cori chini
Chini di natura,
chini di sapori,
chini di fatica,
chini di tradizioni,
chini di salute,
chini di qualità,
chini di passione,
chini d'amuri
                              
                                Cori chini
Tutte le ricette sono tradizionali, si cercano a ritroso nel tempo le origini storiche, si scava nelle testimonianze oggettive per trovare il punto di partenza.
Poi inizia il percorso inverso attraverso gli anni, i decenni, i secoli e i millenni, accumulando in questo percorso gli umori della terra, i prodotti della natura, della fatica dell’uomo e della convivialità.
Conoscere e amare la propria terra, trarre da essa i sapori i profumi la genuinità,  intrecciando storia e fantasia, amore e poesia, ricchezza e povertà
                    Franco Alessi

Come ben sapete, Castelbuono ricorre spesso nel mio blog con buone ricette e tradizioni legate al territorio e alla memoria di poche persone di buona volontà. 

Il mio blog nasce , anche, da questa esigenza e con speranza di essere utile per tutti coloro che vogliono continuare ad attingere da questo meraviglioso patrimonio culturale e gastronomico che caratterizza la Sicilia.

Proprio oggi ho ricevuto una graditissima mail dallo Chef Franco Alessi, promotore ed organizzatore di quel magnifico evento al quale ho avuto l'onore di partecipare che si è svolto a Castelbuono, il 20 ottobre scorso e del quale vi ho lungamente raccontato quì.
Franco è un artista completo.... Chef raffinato, pittore talentuoso... insomma, ha tutte le qualità!!!
In questa mail mi ha mandato le foto e la ricetta dei "cuori chini", tradotto CUORI RIPIENI, parafrasando un termine tipico castel-buonese che definisce i buccellati, tipici dolci natalizi, come i "cosi chini".
Quindi ve la passo integralmente e vi esorto a prepararli perchè è una ricetta antichissima, ricca di profumi e gusti meravigliosi che faranno la felicità di grandi e piccini.



Ingredienti e procedimento

Preparare una frolla con:

Kg 1 farina OO
gr  400 Zucchero
gr 100 Burro
gr 100 sugna
N° 3 uova intere
N°2 bustine di vaniglia
gr 10 lievito in polvere
gr 15 ammoniaca per dolci
N° 1 cucchiaino di cannella
La buccia grattugiata di un limone
Latte q b
Impastare velocemente il tutto formare un panetto e riporre in frigorifero
A rassodare per 1 ora circa. ( si ottiene un panetto di circa Kg 2)

Preparare e passare al tritatutto:

gr 300 fichi secchi
gr 100 mandorle
gr 100 noci
gr 100 uva passa
gr 100 pinoli
gr 10 di cannella macinata
gr 50 di caffè espresso
gr 30 di liquore di ficod’india
La buccia grattugiata di 1 limone
La buccia grattugiata di un’arancia

Versare il tutto in una casseruola porre sul fuoco e girando con un mestolo di legno fare in modo che la massa si scaldi e si amalgama bene, lasciare raffreddare, passare nel cutter e rendere l’impasto molto fine.
Prendere gr 800 di pasta frolla  aggiungere gr 200 dell’impasto di frutta secca e incorporare bene. Stendere il nuovo impasto ottenuto con un matterello dallo spessore di 4 mm, tagliare con il tagliapasta a forma di cuore, porre in una teglia con carta da forno, e infornare a una temperatura di 165 gradi per 15 minuti.
Togliere dal forno e lasciare raffreddare.
Intanto prepariamo la glasse con:
grammi 100 di zucchero a velo
1 albume d’uovo
e il succo di mezzo limone,
amalgamare bene con un cucchiaio, deve risultare densamente fluida.
Spalmare la glasse sui biscotti con un pennello e spolverare con cannella in polvere o decorare con codette colorate o scagliette di cioccolato fondente.
Riporre in forno a calore moderato per circa 10 minuti e lasciare asciugare.
I biscotti si conservano a lungo in contenitori chiusi ma non sigillati.                                                                                                                                                      Franco Alessi

23 commenti:

  1. In provincia di Ragusa si fanno dei biscotti dove l'impasto di frutta secca viene a costituire il ripieno dei biscotti che possono essere di frolla o di sfoglia. Varianti simili della stessa tradizione siciliana. Buone feste! Franca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cara!!!anche noi li facciamo ripieni e sono i cosiddetti "buccellati". questa è un'altra versione dove il ripieno di frutta secca va ad arricchire la frolla. Un bacione mia cara!!!

      Elimina
  2. non conosco questi biscotti..ma mi fido...devono essere ottimi! brava Imma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la fiducia !!! un bacione!!!

      Elimina
  3. Mimma, ma che meraviglia è questa????? Storia, passione e amore per la cucina e per la nostra Terra che si uniscono in un tripudio di gusto e raffinatezza. Grazie a te per la condivisione e grazie al Maestro Alessi per averci fatto conoscere questa ricetta. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il Maestro Alessi è un cultore e grande esperto della nostra tradizione quindi..da provare subito questi bellissimi e buonissimi dolci!!!

      Elimina
  4. QUANTO SONO BELLI E GOLOSI, NON LI CONOSCO MA MI PIACCIONO UN SACCO, GRAZIE PER AVERLI CONDIVISI!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao mia cara!!! ti confesso che non li conoscevo neanche io ma adesso faranno parte del mio repertorio. Un bacione!!!

      Elimina
  5. Queste tradizioni così diverse dalle mie mi affascinano sempre :-)
    Golosissima proposta Mimma, complimenti!
    Ti auguro un felice inizio settimana <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mia cara!!!! bacionissimi!!

      Elimina
  6. Quando le tradizioni sono radicate e c'è l'amore, quello vero... ecco cosa accade, poesia e cucina... Mimma BRAVISSIMAAAAAAA!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si Pietro!!! Franco Alessi è proprio un artista completo.....bacioni mio caro!!!

      Elimina
  7. Da te si trovano sempre belle ricette.....lo sai vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mia cara!!!! oggi mi sono limitata a passarvi questo tesoro di ricetta del caro Maestro Alessi. Un bacione!!!

      Elimina
  8. Che carini...belli e deliziosi da gustare,grazie per la ricetta cara..:-))
    Un bacione

    RispondiElimina
  9. Meraviglioso intro del tuo post....ma si sa mi colpisci dritta dritta al cuore perchè io sono di parte.Potremmo scrivere anni di ricette ce n'è così tante e così tanto ricche di storia,di tradizioni,costumi davvero un patrimonio culturale e gastronomico immenso.
    Molte e dico davvero moltissime neanche le conosco,come questi dolcetti tutti nuovi per me e che hanno al loro interno un vero cuore di bontà.Grazie <3
    Z&C

    RispondiElimina
  10. Mimma, tu sei speciale! Te l'ho detto altre volte e lo ripeterò ancora e ancora! Porti avanti le tradizioni siciliane e questo ti fa onore!
    Ti abbraccio mia cara e mi porto via un cuoricino!

    RispondiElimina
  11. Assomigliano alle susumelle calabresi, ma sono molto più ricche. Salvo la ricetta e grazie della condivisione. Buona giornata e auguri di Buon Natale a te e alla tua famiglia. Possiate trascorrere queste feste in pace, armonia e salute.

    RispondiElimina
  12. Mimma che belli che sono questi biscotto pieni d'amore... chini chini.... Spero di ripassare prima di Natale, ma intanto comincio da ora a farti tanti auguri di feste serene e piene di famiglia! Un bascione cara!!

    RispondiElimina
  13. Che splendidi biscotti, e che belle queste ricette storiche... è un piacere leggerti e scoprire con te queste cose, sarà un piacere provare a rifarli!!

    L'angolo della casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina
  14. dei gran bei biscotti un piacere farli, riceverli e provarli, tanti auguri di Buon Natale

    RispondiElimina
  15. E' una ricetta preziosa e davvero speciale e un regalo perfetto per le prossime festività, grazie per averla passata a noi!!!

    RispondiElimina
  16. che belli Mimma, grazie per farmi conoscere queste meraviglie della tua splendida isola !

    RispondiElimina

Grazie per essere passati di quì!!!
I vostri messaggi mi fanno molto piacere perchè mi aiutano a migliorare !!!