.

.

lunedì 15 dicembre 2014

CORI "CHINI" ... ripieni d'amore, cultura e tradizioni!!!!


Cori chini
Chini di natura,
chini di sapori,
chini di fatica,
chini di tradizioni,
chini di salute,
chini di qualità,
chini di passione,
chini d'amuri
                              

sabato 13 dicembre 2014

mercoledì 10 dicembre 2014

POTAGE DI ZUCCA ROSSA E PATATE


Si avvicina l'inverno e anche se, quì in Sicilia  , quasi mai fa freddo, ugualmente sentiamo il bisogno di mangiare qualcosa di caldo, vellutato, profumato e anche bello da vedere, che non guasta.

giovedì 4 dicembre 2014

ALBERELLO DI GELATO !!!!


...e non ditemi che il gelato si mangia solo d'estate!!!!!
Quando è, davvero, buono, si mangia tutto l'anno con grande

mercoledì 3 dicembre 2014

Gelatina di caffè, il dolce della nonna


Rimarrà sempre nei miei ricordi legati all'infanzia, l'immagine e, soprattutto il profumo, di un dolce semplice, al cucchiaio, che preparava mia nonna per completare il pranzo domenicale oppure da offrire agli ospiti, in visita : "il GELO di Caffè".
E' una preparazione tipica siciliana. 

mercoledì 26 novembre 2014

GRAN GALA' DI BENEFICENZA!!!! FOODBLOGGERS ALLA RISCOSSA !!!!



         Cari amici che mi leggete , ho il piacere e l'onore di invitarvi al

GRAN GALA' DI BENEFICENZA 
MANGIARE BENE...ANZI MEGLIO !!
foodbloggers alla riscossa !!!

Capone (Lampuga) alla "ANGIOLA"

Angela è una mia cara amica!!!
Messinese , al 50% e per il restante 50% catanese. 
Questa dualità nelle sue origini e nel suo segno zodiacale (pesci come me) la ha arricchita di innumerevoli qualità.

lunedì 17 novembre 2014

domenica 9 novembre 2014

Strudel di mele.... Quello originale!!!!!


Adoro lo Strudel un dolce delizioso, profumato e saporito che, di certo non appartiene alla tradizione dolciaria siciliana.

mercoledì 5 novembre 2014

ANICINI Biscotti profumatissimi e corroboranti!!


Gli ANCINI sono dei deliziosi biscotti tricottati, quindi rimessi in forno ad “asciugare” friabili, energetici e profumatissimi dai semi

martedì 4 novembre 2014

Alberello di pan d'arancio


La Prima Colazione del giorno di Natale DEVE essere Unica, Indimenticabile, Gustosa. 
E' tra i pochi momenti, durante l'anno, in cui si può stare tutti insieme, mangiare con calma, commentare i regali ricevuti la sera precedente,  perdersi in piccole chiacchiere  per il piacere "puro" di godersi la famiglia e un pò di riposo. 

Trionfo di nocciole e caffè


La torta che vi propongo oggi e una goduria senza fine!!
Un classico della nostra pasticceria, come il Pan di Spagna che , si fonde e confonde con una farcitura voluttuosa e profumata.
Non è un dolce difficile, di certo, vi regalerà grandissime 

Torta Savoia che.... si credeva una Sacher!!!!



Oggi vi propongo la "mitica" Torta Savoia!!!!!

Lo so, state pensando che è un dolce impegnativo.... in effetti avete ragione ma, voglio dimostrarvi come, con un minimo di manualità e buona volontà, si possa realizzare un dolce tanto famoso quanto buono, un caposaldo della pasticceria Siciliana.... si... proprio siciliana.. nonostante il nome!!!!.
La storia narra che fu realizzata da un pasticcere siciliano, 160 anni fa, quando la Sicilia fu annessa al Regno d' Italia e tra gli ingredienti furono inserite le nocciole piemontesi , dedicandolo ai regnanti di Casa Savoia.

lunedì 3 novembre 2014

Presepe in pan di spezie e pasta di zucchero



Voglio postare questo piccolo Presepe, questa Natività, molto naif, molto infantile nel tratto ma completamente densa di significato etico, religioso, ancestrale e umano, al tempo stesso. 
Amo i Presepi e ciò che rappresentano. 
Amo la tenerezza che infondono, anche solo a guardarli....
quelli che faccio io SI MANGIANOOOOOOO!!!!!

Buccellatini.... Diversi!!!!!


Lo scorso Natale, mia nuora, la dolcissima Ely, mi portò dei buccellati, tipici di un paese in provincia di Palermo,San Cipirrello nella Valle dello Jato e vengono preparati, preferibilmente, nel periodo natalizio
Questi dolci, come la maggior parte delle specialità siciliane, è ricchissimo di gusto e profumi che inebriano.

Torta Presepe


Io amo profondamente tutte le torte che faccio..... lo so, vi sembrerà che stia farneticando, ma non è così. 
Ogni torta ha una storia, un sentimento che mi anima mentre la faccio, la gioia al pensiero della gioia che susciterò..... sono mie creature anche loro. 
Questa torta Presepe è  nata dalla collaborazione con mio marito.... nooooo, cosa avete capito???? mio marito non sa fare neanche un uovo al tegamino ma.... è un ingegnere... e quindi ha disegnato la capanna!!!!!
La base della torta è un pan di spagna farcito con crema gialla al limone, la capanna è fatta in pan di spezie, i pupazzetti sono modellati in pasta di zucchero. 
Ve la posto adesso, con un certo anticipo , in modo che abbiate tutto il tempo per preparare il Presepe!!!!!

Ingredienti

pds per una tortiera da 35 x 30  cm:

- 10 uova 

- 500 gr. zucchero
- 500 gr. di farina 00
- un pizzico di sale
- una bustina di vaniglia

Procedimento: 

Separare le chiare dai tuorli, montarli a neve con un pizzico di sale.

Montare, a spuma, i tuorli con lo zucchero e la bustina di vaniglia.
Unire i tuorli agli albumi montati e mescolare con delicatezza dal basso verso l'alto, per non smontarli. 
Aggiungere delicatamente la farina, con un setaccino. 
Imburrare e infarinare una tortiera 
Versare e livellare il composto. Infornare a 180° per 20 min. (i tempi dipendono dal forno).
Estrarre il pan di spagna e fare la prova stecchino.

CREMA PASTICCERA AL LIMONE (io uso il bimby):


1 l. latte intero

6 tuorli
300 gr. zucchero
buccia di un limone (solo la parte gialla)
100 gr. amido per dolci

Procedimento:


Mettere nel boccale lo zucchero e la buccia del limone: 1 min vel. turbo. 

Aggiungere gli altri ingredienti e cuocere 12 min. 80° vel 5.- mettere da parte.

CREMA BIANCA ALLA VANIGLIA


1 l. latte intero
250 gr. zucchero
2 bustine di vanillina
100 gr. amido per dolci

Procedimento:


Mettere nel boccale tutti gli ingredienti e cuocere 12 min. 80° vel 5.- mettere da parte.


BAGNA DI RUM- 300 gr. acqua
- 100 gr. zucchero
- 50 gr. di rum

ingredienti del Pan di Spezie per la capanna:


- 450 gr. di farina, 
- 60 gr. di miele, 
- 60 gr. di zucchero, 
- 120 g. di burro, 
- 3 uova, 
- 3 tuorli, 
- 1 cucchiaio di cannella, 
- 10 chiodi di garofano, 
- 20 gr. di anice in polvere, 
- semi di cumino.


Preparazione

Mescolate, in una terrina, la farina con lo zucchero e il miele. Aromatizzate con la cannella in polvere e i chiodi di garofano tritati finemente. Unite quindi le uova intere ed i tuorli ed infine il burro sciolto in precedenza a bagnomaria e lasciato intiepidire. Impastare energicamente il tutto fino a rendere l'impasto omogeneo. Fatelo a palla e lasciatelo riposare per una notte in ambiente fresco.
Stendete la pasta su una spianatoia infarinata. Prendete la sagoma in cartoncino della forma desiderata, adagiatele sulla pasta e incidetela lungo il bordo con un coltello. Collocate i panetti su una teglia foderata con carta da forno e cuocete a temperatura dolce per circa 30 minuti.



Per i personaggi del Presepe:

- 1 kg di pasta di zucchero bianca, già pronta oppure secondo la dose che preferite
- coloranti alimentari

Procedimento:

- modellare i personaggi secondo il vostro gusto e lasciare asciugare, almeno 2 giorni.

Assemblaggio:


- Tagliare il pan di spagna freddo in tre parti e inumidire con bagna di rum o solo sciroppo di zucchero, farcire il primo strato con la crema al limone, mettere uno strato di pan di spagna e stendere la crema alla vaniglia. 
- Coprire con l'ultimo strato di pds e lasciare riposare in frigo per una notte.
- Dopo aver cotto le parti della capanna, precedentemente ritagliate sul cartoncino, assemblare la capanna usando come colla la glassa di zucchero colorata di marrone e lasciare indurire.
- Preparare una glassa di zucchero bianca, molto densa, e lasciarla colare sul tetto, come fosse neve.
- Spalmare  la torta con uno strato leggero di panna montata e ricoprire con pdz bianca.
- Adagiare la capanna e i personaggi di pdz
- Decorare con foglie di agrifoglio o altro, a piacere, di pdz










Polpette d'uova di Nonna Concetta


Quando ero piccola ( non pensiate che fosse l'era Giurassica!!!!) , mia nonna Concetta mi preparava una sua specialità: Le polpette di uova al pomodoro. 
Io le adoravo per vari motivi: il primo perchè, finalmente, mi liberavo dalle pappette e pastine che mia madre mi propinava, pensando che fosse il cibo adeguato all'infanzia, secondo perchè le mangiavo dalla nonna preferita, quella che mi permetteva di fare qualunque cosa. 
Quindi, nei miei ricordi , questo piatto ha un posto importante , ancestrale, che adesso, che sono cresciuta, cerco di ricreare, anche se mai potranno essere buone come quelle della nonna..... Comunque, ecco la ricetta per un piatto sostanzioso, saporito , adatto a tutte le stagioni e... anche economico, che non guasta mai!!!!

ingredienti x 4 persone:

- 6 uova fresche
- 4 cucchiai di formaggio grattugiato: parmigiano, caciocavallo, pecorino,  (io uso il Pepato messinese)
- 6 cucchiai di pan grattato
- 1\2 cucchiaino di bicarbonato
- sale q.b.
- 1 cucchiaio di basilico fresco tritato
- 1 cucchiaio di prezzemolo fresco tritato
- 1 cucchiaio di menta fresca tritata
-1\2 spicchio d'aglio tritato finissimo (facoltativo)
- sale q.b. della Gemma Di Mare

Per il picchi pacchio:

2 scatolette da 400 gr. di pomodoro a pezzetti  La Fiammante
3 cipolle rosse di Tropea
1 peperoncino
1 bicchiere di olio d'oliva  OLIO D'OLIVA VILLA COLONNA

Procedimento:

- sbattere le uova in una ciotola con il formaggio grattugiato, le erbe aromatiche, l'aglio e poco sale
- in un piattino mettere il pan grattato con mezzo cucchiaino di bicarbonato e aggiungere qualche cucchiaio di acqua , sino ad ottenere un impasto bagnato ma non liquido
- mescolare l'impasto del pan grattato alle uova sbattute e aggiustare di sale
- in una padella mettere olio d'oliva  OLIO D'OLIVA VILLA COLONNA(per queste preparazioni non uso l'olio di semi) e friggere le polpettine versando l'impasto a cucchiaiate
- friggerle velocemente
- diventeranno alte e spugnose
- mettere da parte
- nel frattempo preparare il "picchi pacchio" mettendo in una padella abbondante olio d'oliva, il peperoncino e le cipolle affettate sottilmente. Aggiustare di sale, mettere il coperchio e lasciare cuocere a fuoco bassissimo
- quando il pomodoro è cotto, mettere in una casseruola , alternandoli, il condimento e le polpettine
- mettere il coperchio e lasciare cuocere, per 5 minuti, a fuoco bassissimo
- a cottura ultimata, disporre su un piatto da portata, cospargendo con abbondante basilico tritato


gli sfondi dei piatti sono le meravigliose carte regalo della

il pan grattato con il bicarbonato

formaggio grattugiato e le erbe aromatiche

tutto amalgamato uniformemente

le polpettine stanno friggendo e diventano alte e soffici

che goduria e che profumo!!!

in una casseruola, alternate al picchi pacchio di pomodoro

e adesso.... A TAVOLAAAAAA!!!!!!!!!!

Con questa ricetta partecipo al contest:

domenica 2 novembre 2014

sabato 1 novembre 2014

Tonno rosso fresco "Ammuttunato"...ovvero l'eterno Mito dell'Amore e della Morte

La mattanza già praticata nel corso dell'Età del Bronzo e ai tempi dei Fenici, fu perfezionata, nella tecnica, dagli Arabi durante la loro dominazione della Sicilia nel IX secolo, i quali la insegna-rono ai pescatori siciliani introducendo il metodo delle reti al centro della mattanza.
 Intorno al mese di Maggio, quando il vento Favonio (che porta i 

mercoledì 29 ottobre 2014

DOLCE SOFFICISSIMO AL CIOCCOLATO CON CREMA DI CASTAGNE E ...Foscolo aveva proprio ragione!!!


Questa stagione, l'autunno, mi porta, inevitabilmente, a momenti di riflessione, di introspezione e bilanci.
Io cerco di non riflettere troppo, preferisco astrarmi e rilassarmi con

lunedì 27 ottobre 2014

CANEDERLI MEDITERRANEI vegetariani



Capita a tutti di arrivare a casa, dopo una giornata di lavoro e non aver fatto la spesa....ma , quando abbiamo la dispensa ben fornita, di prodotti buoni e salutari, organizzare un buon piatto diventa un

giovedì 23 ottobre 2014

Pasta con le sarde alla "Castelbuonese"



Domani sarà la Giornata Mondiale della "PASTA" intesa, dall'alba dell'Uomo, come impasto di farina di grano e acqua.

mercoledì 22 ottobre 2014

venerdì 17 ottobre 2014

SARO' TRA I GIURATI.....NONCIPOSSOCREDEREEEEEEEEEEEE!!!!!!!


Non ci posso credereeeee!!!!!! Ci sarò anch'io e farò parte della giuria di questa grande Kermesse gastronomica, insieme ai miti

lunedì 13 ottobre 2014

Chutney di arance e cipolle


 I chutneys non fanno, anzi non facevano parte della nostra tradizione gastronomica ma, con la globalizzazione, col fatto che viaggiamo e impariamo "il cibo degli altri", tanti piatti diventano di uso comune e molto apprezzati. Sono una preparazione tipica delle regioni indiane che ne facevano largo uso.